Oggi è 23/05/2019 - 03:05:27  

I quattro elementi

Acqua

La residenza Nonna Iuccia si affaccia sull’antica piazza di Monte San Giacomo, nelle immediate adiacenze della fontana tardo-cinquecentesca che, per secoli, ha rappresentato la vita per la popolazione locale. L’elemento ACQUA , vicinissimo alla residenza, rappresenta, geograficamente ed idealmente, la base del progetto di accoglienza di Nonna Iuccia, richiamando il grande valore della condivisione degli spazi e delle risorse, che nei tempi passati caratterizzava i rapporti interpersonali all’interno della comunità locale.

Aria

. Residenza Nonna Iuccia .. Ingresso principale .. Ingresso principale .. Aria .. Aria .. Aria .. Aria .. Aria .. Aria visto da Terra .. Aria di notte .. Aria di notte .. Aria di notte .

Sul lato destro di via Roma, al civico n°16, si trova l’ingresso principale della residenza Nonna Iuccia. Appena oltre il portone di legno ci si trova nell’open space denominato ARIA, che mette in comunicazione le due abitazioni, TERRA e FUOCO.
ARIA è una corte-terrazza, una piccola piazza privata dove rilassarsi e stabilire relazioni in ogni momento della giornata, respirando i profumi delle essenze che ne colorano il parapetto o godendo dei meravigliosi colori della vegetazione della Difesa, cangiante e suggestiva in ogni stagione dell’anno.
Il pavimento di questo ambiente, in cotto artigiano, stabilisce la continuità di materiali e colori, fungendo da ideale filo conduttore tra le due abitazioni in quanto prodotto dagli elementi terra e fuoco.
Su questo spazio si apre la facciata principale, che conserva la struttura originaria salvo che per l’elemento vitreo, che fa da cornice al portone d’ingresso della abitazione di destra.
Fasci di luce bianca, generati da lampade a led, evidenziano, anche di notte e senza alterarlo, l’azzurro della facciata (ricreato da campioni del colore esistente in origine, benché completamente oscurato e danneggiato dal tempo) e si protendono verso la decorazione a "romana" ricreata alla base del tetto.
Sul lato opposto, la piccola ARIA è illuminata da calde luci provenienti dai lampioncini laterali a favorire il soggiorno serale e la migliore abitabilità dell’open-space. L’impianto di illuminazione di ARIA sfrutta lampade a risparmio energetico nell’ottica di salvaguardia e sostenibilità ambientale.

Terra

. Soggiorno .. Soggiorno .. Soggiorno .. Soggiorno .. Soggiorno .. Cucina .. Cucina .. Cucina e relax .. Angolo relax .. Cucina e relax by night .. Angolo relax .. Camera da letto .. Camera da letto .. Camera da letto .. Terra .

Gli elementi recuperati (dalle travi in legno originali alla pietra viva delle pareti, dal cotto a parte degli infissi) danno ancora oggi testimonianza del rapporto di assoluta dipendenza delle antiche popolazioni rurali dalla Madre Terra. Ne deriva la denominazione data a questa unità abitativa.
L’ingresso è situato al primo livello della struttura, alla base della scalinata che conduce all’open space ARIA, in un locale che, originariamente, doveva essere destinato a deposito o al ricovero degli animali domestici. Gli interventi di recupero hanno consentito di ricavarne uno spazio confortevole destinato a soggiorno. L’uso che di questo locale si faceva nel passato testimonia il grande amore e rispetto per la natura e per gli animali, da cui gli abitanti della casa traevano il loro sostentamento e l’aiuto nell’esecuzione dei gravosi lavori agricoli. Perciò venivano accolti negli spazi di pertinenza dell’abitazione o, com’era usanza in loro assenza, addirittura dentro casa, ospitandoli nelle prossimità del forno o del camino.
La stanza è scavata nella roccia, che affiora su due lati, e conserva i segni delle caratteristiche costruttive del suo tempo: pietra viva per le mura portanti o divisorie, travi e doghe di legno locale per reggere il solaio superiore. Il pavimento (in origine un semplice selciato) è oggi costituito da un lastrico in cotto, ricavato probabilmente da terre locali. Conserva ancora tracce dell’antica decorazione rustica e proviene da un altro ambiente della casa. Anche questo è stato interamente recuperato come, peraltro, la porta a due battenti sovrapposti e la finestrella, entrambi in legno massello.
Una scala in ferro, con inserti in pietra provenienti dal vecchio selciato, installata sulla parete di fondo, funge da collegamento interno con gli ambienti del piano superiore. Al top della scala si trova la cucina, attrezzata con mobili ed elettrodomestici dalle linee moderne, che funge anche da spazio di accesso agli altri locali dell’unità TERRA. Una porta-finestra in legno e vetro dà l’accesso su ARIA.
Sulla parete occupata dalla cucina si apre l’accesso al bagno principale, dotato di doccia e di impianto di aerazione. Su quella controlaterale quattro scalini conducono all’ampia camera da letto, caratterizzata dalla presenza della finestra originale e di tre pareti completamente in pietra naturale, nonché da una piccola finestra a tetto, nell’impalcato originario recuperato, che offre alla vista un piccolo angolo di cielo.
Al lato dell’ingresso alla camera da letto, una piccola scala in ferro e legno conduce al soppalco, attrezzato per essere area relax-lettura, illuminato da una piccola finestra a tetto e da luci a led per le ore serali. Il soppalco è dotato di un piccolo bagno e di un armadio aggiuntivo ripreso da un antico mobile della casa.
TERRA è dotata di cassette di sicurezza e degli impianti di riscaldamento autonomo, tv digitale terrestre, allarme, estintori. L’impianto di illuminazione sfrutta lampade a risparmio energetico nell’ottica di salvaguardia e sostenibilità ambientale.

Fuoco

. Fuoco - Ingresso .. Fuoco - Camino .. Fuoco - Camino .. Fuoco - Cucina .. Fuoco - particolari .. Fuoco - Cucina .. Fuoco - Camera da letto .. Fuoco - Camera da letto .. Fuoco - Camera da letto .. Fuoco - Camera da letto .. Fuoco - Camera da letto .. Fuoco - Camera da letto .. Aria visto da Fuoco .

Il primo elemento recuperato dell’abitazione accoglie il visitatore all’ingresso: si tratta del portone, sverniciato e restituito al fascino ed al calore del legno, incastonato in una cornice vitrea che costituisce anche un’importante fonte di luce per l’unità denominata FUOCO. Questa abitazione deriva il nome dal camino che domina la parete sinistra della prima stanza. Attorno al camino si soleva raccogliere la famiglia in ogni occasione importante e in ogni momento della vita quotidiana; il "focolare" era testimone discreto di tutte le dinamiche, degli avvenimenti, dei legami familiari ed extrafamiliari, che contribuiva a vivificare e rinvigorire di giorno in giorno.
Il vecchio caminetto, rivalutato ed impreziosito dalla pietra locale lavorata e da un rivestimento in maiolica artigianale di nuova fattura, è incorniciato dall’arredo moderno, in legno ed acciaio, del piano cottura e dal parquet dei pavimenti che ne esaltano, per contrasto di forme e colori, i tratti di tradizionalità.
Sulla parete opposta al camino, quasi si guardassero, si apre l’ingresso alla prima camera da letto, dotata di un piccolo balcone sporgente sul lato strada ed affacciato su ARIA, del quale sono stati recuperati il telaio e le ante dell’infisso (comprese le ante interne oscuranti), la soglia in marmo e la ringhiera in ferro con decorazione centrale, pitturata a smalto con gli stessi colori scelti dai precedenti abitanti.
Dalla cucina si accede ad un piccolo disimpegno che conduce al bagno principale ed all’altra camera da letto, più interna, dotata a sua volta di un piccolo bagno privato.
Le due camere da letto di FUOCO comunicano attraverso due porte-finestre in legno e vetro che garantiscono l’illuminazione naturale e l’aerazione alla stanza più interna. A salvaguardia della privacy di tutti gli occupanti, le due porte-finestre sono attrezzate di tenda di cortesia su entrambi i lati.
FUOCO è dotata di cassette di sicurezza e degli impianti di riscaldamento autonomo, tv digitale terrestre, allarme, estintori. L’impianto di illuminazione sfrutta lampade a risparmio energetico nell’ottica di salvaguardia e sostenibilità ambientale.